Article Post on 26 March 2020

IVASS: Prime misure a favore degli operatori del mercato assicurativo e Proroga dei termini a seguito delle raccomandazioni dell’EIOPA

This article also exists in French.

_In una nostra precedente news, abbiamo avuto modo di informarvi che il 20 marzo u.s. l’EIOPA (European Insurance and Occupational Pensions Authority) ha pubblicato sul proprio sito web raccomandazioni con carattere d’urgenza per chiamare le singole autorità nazionali a fare prova di flessibilità al fine di concentrare i propri sforzi sul monitoraggio e la valutazione dell’impatto della crisi del COVID-19 sulla continuità dell’attività assicurativa.

L’autorità europea ha dichiarato inoltre che limiterà le proprie richieste di informazioni e le proprie consultazioni agli elementi essenziali, invitando implicitamente le singole autorità nazionali a fare altrettanto al fine di essere in grado di grantire i servizi offerti ai consumatori.

L’IVASS (Iistituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni), non ha fatto attendere una propria reazione positiva, pubblicando comunicazioni volte a supportare l’attività di compagnie e intermediari assicurativi.

In data 23 marzo 2020, l’IVASS ha infatti pubblicato sul proprio sito web la proroga dei termini rispettivamente stabiliti dai Regolamenti IVASS n. 24/2008 e n. 41/2018 per la gestione dei reclami e delle richieste di informazioni.

« Al fine di assicurare una disamina accurata dei reclami e delle richieste di informazioni avanzate dagli assicurati in questo straordinario momento di emergenza sanitaria », l’IVASS ha pertanto concesso alle compagnie assicurative di:

  • dare riscontro ai reclami entro 75 giorni, anziché i previsti 45 (1) ;
  • rispondere alle richieste di informazioni della clientela entro 35 giorni anziché i 20 previsti.

La dilazione di entrambi i termini è naturalmente temporanea e funzionale alla gestione dell’emergenza da contagio COVID-19.

Bisogna comunque dare atto che, già prima delle raccomandazioni europee, e più precisamente il 17 marzo, l’IVASS aveva emanato le "Prime misure a favore degli operatori del mercato assicurativo" posticipando anche i temini previsti per:

  • l’implementazione delle disposizioni di cui al Capo IV-Titolo III del Regolamento IVASS n. 41/2018 relative alla home insurance, e, più particolarmente, alla costituzione delle cosidette aree riservate (2), che è stata posticipata al primo luglio 2020 rispetto al primo maggio originariamento previsto;
  • la trasmissione della relazione relativa ai reclami dell’ultimo semestre del 2019 che è stata posticipata al 29 marzo 2020, in deroga alle disposizioni di cui all’articolo 9 del Regolamento 24/2008.

In riferimento all’attività di distribuzione, l’IVASS ha disposto inoltre :

  • un rinvio al 29 marzo 2020 del termine entro il quale le compagnie assicurative potranno trasmettere la relazione sulla gestione e controllo della propria rete distributiva (art. 464 Regolamento n. 40/2018) (3) ;
  • la deroga al disposto dell’articolo 90, comma 5, i test di verifica da svolgere all’esito di ogni corso di formazione professionale potranno essere effettuati a distanza e non più obbligatoriamente in aula e senza l’utilizzo di supporti cartacei e/o elettronici (4) .

Il nostro dipartimento di diritto delle assicurazioni resta a disposizione per ogni ulteriore informazione o chiarimento vogliate ricevere sull’argomento.

1. Il dovere di riscontro ai reclami e alle richieste di informazioni dei contraenti incombe sulle imprese assicurative italiane ma anche sulle imprese estere che operano sul territorio italiano in Libera Prestazione di Servizi (LPS).
2. Le compagnie assicurative in LPS sono interessate dal nuovo obbligo regolamentare limitatamente al settore RC auto.
3. La norma rientra tra le norme d’interesse generale ed è pertanto d’applicazione anche alle compagnie in LPS.
4. La norma non rientra tra le norme d’interesse generale e pertanto non concerne le compagnie in LPS.

Share this content